Viaggiando

Home / Viaggiando
Viaggiando

Transumanza

“Settembre, andiamo. È tempo di migrare. Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso il mare”. I versi dannunziani sono fortemente rappresentativi di quel fenomeno rurale denominato Transumanza, un’antica pratica pastorizia talmente identitaria della nostra regione che nel 2019 viene riconosciuta come patrimonio culturale dell’Unesco. Si tratta della migrazione stagionale del bestiame dalle zone montuose verso la pianura come declama il Vate, lungo i sentieri dei luoghi simbolici della transumanza.

Tratturo Magno

E’ il più grande tratturo, ossia il più ampio sentiero campestre destinato alla transumanza delle greggi, lungo ben 244 Km che, fino a 50 anni fa, collegava l’Appennino alle Puglie. La cultura nomade dei pastori in transumanza viene declamata nei versi poetici che contemplavano la vita dei pastori e delle greggi.

Thòlos

Costituiscono l’impronta della storia delle comunità locali pastorali: i thòlos sono costruzioni a cupola, derivazione etimologica dal greco antico thòlos, a base circolare o quadrata. Queste strutture in pietra sono tuttora disseminate sulle montagne abruzzesi, in particolar modo sulla Majella.

Transiberiana d’Abruzzo

Un percorso incantevole per vivere un’esperienza unica a bordo del treno storico con vagoni realizzato tra il 1920 e il 1930, attraversando il cuore della regione da Sulmona verso Isernia e transitando attraverso la stazione più alta dell’Appennino centrale: Rivisondoli-Pescocostanzo.

Ippovia del Gran Sasso

Con i suoi 320 Km di tracciato, l’ippovia del Gran Sasso è la più lunga d’Italia. Attraversa ad anello il territorio di 3 province: L’Aquila, Pescara e Teramo e 8 degli 11 distretti turistico-ambientali in cui si articola l’area protetta. Un percorso escursionistico in sella al cavallo, lungo gli incantevoli sentieri calcati da contadini e viandanti intorno al massiccio del “signore” degli Appennini.

Ciclopedonale bike to coast

La pista più bella d’Italia si è aggiudicata nel 2020 l’Oscar del cicloturismo: l’Italian Green Road Award. Un tracciato che si estende per 131 Km lungo il litorale abruzzese, da Martinsicuro (Te) a San Salvo (Ch), pedalando attraverso 19 comuni di 3 province abruzzesi (Teramo, Pescara e Chieti).